italiano | english Aggiornato ad Ottobre 2017  
» Turismo
>>LastMinute (28 off.te)
- Bed & Breakfast
- Case Vacanze
- Agriturismo
- Strutture di prestigio
- Hotel
- Affittacamere
- Campeggio
- Cantine
- Ristoranti e Osterie
- Enoteche e bar
- Prodotti Tipici
- Servizi

» Resort & Spa
- Etruria Resort & Natural Spa

» Agenzie di incoming
- Terre Toscane

» Scuole di lingue
- Il Sasso

» Piscine
- Piscine Fonte di Bellezza

» Shopping Online
- Vino Nobile Shop
- Vini di Toscana
- Contucci
- Crociani
- Piazza Grande Wines
- Piazza Grande 12
- Palazzo Vecchio

» Autonoleggio
- Il Girasole
- Limousine Service
  Il Girasole

- DG autonoleggio
- Caroti

» Escursioni guidate
- Cicloposse
- Crete di Siena in Moto

» Organizzazione matrimoni ed eventi
- Il Canto di Imeneo

» Affari ed economia
- Artigianato
- Aziende Agricole
- Assicurazioni
- Banche
- Edilizia
- Trasporti
- Servizi
- Altre attivita'

» Territorio
- La Storia
- Centro storico
- Fuori le mura
- Frazioni
- Eventi
- Gastronomia
- Pubblicazioni
- Artisti

» Mappe
La strada più comoda per raggiungere Montepulciano, consulta la mappa ...

» Webcam

www.agriturismobossona.it


Home » Eventi » BRUSCELLO

IL BRUSCELLO POLIZIANO

[Le origini] Per la festa dell’Assunta sul sagrato del Duomo a Montepulciano, si rappresenta il Bruscello, con due o più repliche nei giorni a cavallo del 15 agosto. Si tratta di uno spettacolo di dilettanti che ha radici popolari diffuse in tutta la Valdichiana e la Val d'Orcia. Il Bruscello era, infatti, una forma di teatro contadino rappresentato inizialmente nelle aie, in seguito nelle piazze, anche in occasione di fiere e feste patronali. "Brusco" è il pungitopo e poi qualsiasi cespuglio: il suo diminutivo bruscolo o bruscello, che ricorda il francese brousailles, ricorda i pruni o una manciata di arbusti. E' l'insegna di una cerimonia primaverile di risveglio degli alberi, che si propizia in giro e accompagnando il gesto con canti tradizionali. Pian piano il significato rituale si perde, resta il riunirsi insieme per cantare, rimane il simbolo di questa unione che è il cespuglio, il bruscello. Col tempo il cespuglio diventa un albero: la pianta sotto la quale ci si riunisce all'ombra nelle fatiche della mietitura.

E una nuova etimologia si affaccia: bruscello da arbor latino, arboscello, broscello, bruscello. Il bruscello diventa un mezzo di espressione contadina e può avere un significato preciso oppure raccogliere sotto di sé rappresentazioni diverse come il Racconto epico, la Vecchia, i Contrasti, le Zingaresche. Lo spettacolo tratta argomenti di contenuto religioso, cavalleresco e leggende locali, prevalentemente in versi endecasillabi in ottava rima, con accompagnamento di fisarmonica o di violino. Perdute quasi completamente le tradizioni della cultura contadina, nel 1939, dopo una lunga pausa, venne approntato un libretto nuovo e con motivi musicali più vari rispetto alle arie tradizionali. Per l’organizzazione del Bruscello è sorta una compagnia che cura anche l’allestimento di operette e di rappresentazioni di "Sega la Vecchia", un’altra antica forma di spettacolo popolare di origine ritualistico-carnevalesca, messo in scena da soli uomini mascherati.

In tutti questi anni di spettacolo sono state raccontate in versi le storie di Pia dei Tolomei, Margherita da Cortona, Ghino di Tacco, Giulietta e Romeo, Il Poliziano, intrecciando amori, battaglie e leggende. Sopra il sagrato della Cattedrale si alternano, quindi, il cantastorie, lo storico, i guerrieri ed i popolani che cantano seguendo un diverso stile musicale, a seconda del personaggio da interpretare, una sorta di teatro cantato, sulla base delle canzoni popolari senesi. Alla fine dello spettacolo, il cantastorie congeda il pubblico, accompagnato da tutta la compagnia in coro con delle strofe ormai diventate famose:

Buonanotte, voi giù che ascoltate./
per quest'anno il Bruscello è finito./ 
Grazie a tutti, signori, e scusate,/ 
se un pò tardi vi mando a dormir./ 
Ecco termina il dramma ed il canto,/
che avrà fatto soffrir più d'un cuore; / 
forse è poca la gioia, troppo il pianto,/ 
ma è la vita ch'è fatta così./

E cala il sipario sulla rappresentazione dando l'appuntamento all'anno successivo.


[1939-2017: 78 anni di Bruscello]

> 1939 Pia de' Tolomei
> 1945 Pia de' Tolomei
> 1946 Genoveffa
> 1947 Margherita da Cortona
> 1948 Ghino di Tacco
> 1949 Pia de' Tolomei
> 1950 Giulietta e Romeo 
> 1951 Giulietta e Romeo
> 1952 Genoveffa;
> 1955 Ghino di Tacco
> 1956 Porsenna
> 1957 Pia de' Tolomei
> 1958 Brandano
> 1959 Guerrino il meschino
> 1960 Porsenna
> 1961 Zelindo il Garibaldino
> 1962 Toto di San Biagio
> 1963 Pia de' Tolomei
> 1964 Il Poliziano
> 1965 Genoveffa
> 1966 Bertoldo
> 1967 Calandrino
> 1968 Caterina da Siena
> 1969 La Brigata Spendereccia
> 1970 Giulietta e Romeo
> 1971 Rizieri il paladino
> 1972 Fioravanti
> 1973 Paolo e Francesca
> 1974 La Gaia Mugnaia
> 1975 Ghino di Tacco
> 1976 Marcolfa
> 1977 Cecco Ceccaccio
> 1978 La ciuca di Pipone
> 1979 Lancillotto
> 1980 Arunte
> 1981 Bertoldo
> 1982 La brigata spendereccia
> 1983 Paolo e Francesca
> 1984 Fioravanti
> 1985 Porsenna
> 1986 Calandrino
> 1987 La gaia mugnaia
> 1988 Ghino di Tacco
> 1989 Pia de' Tolomei
> 1990 Porsenna 
> 1991 Caterina da Siena
> 1992 Cecco Ceccaccio
> 1993 Genoveffa
> 1994 Il Poliziano
> 1995 Melusina
> 1996 Marcolfo il brigante della luna
> 1997 Margherita da Cortona
> 1998 Del Pecora
> 1999 Pia de' Tolomei
> 2000 Mustiola del Santo Anello
> 2001 Giulietta e Romeo
> 2002 La Brigata Spendereccia
> 2003 Paolo e Francesca
> 2004 Bertoldo
   2005 Ginevra e Lancillotto

le news
Error selecting data from NEWS table.
link
Compagnia Pop. del Bruscello
Pro loco Montepulciano

 

<< back



Copyright 2002-2017 montepulciano.com P.IVA00926760521 - Cookie Policy