Consorzio del Vino Nobile

Il Consorzio del Vino Nobile accoglie positivamente la scelta dell’amministrazione. Montepulciano: dal vino la spinta alla sostenibilità ambientale.

Il Presidente Gattavecchi: «Bene il lavoro dell’Amministrazione e della Banca di Credito Cooperativo di Montepulciano sugli incentivi alla realizzazione di impianti solari; ora serve un piano di sviluppo mirato a conservare intatto il valore ambientale pur rispettando e migliorando la qualità del nostro territorio»

MONTEPULCIANO – Anche i produttori di Vino Nobile beneficeranno del 40% di sconto sull’ICI se istalleranno pannelli solari entro il comune di Montepulciano. E’ stato infatti accolto positivamente dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano il progetto dell’Amministrazione locale, insieme alla locale Banca di Credito Cooperativo, di incentivare i cittadini al rispetto dell’ambiente diminuendo le immissioni di anidride carbonica. «Un progetto questo – ha affermato il presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano, Luca Gattavecchi – che rappresenta un nuovo passo avanti nel percorso di sostenibilità ambientale di Montepulciano e che trova in perfetta sintonia anche il Consorzio del Vino Nobile che già da molti anni è impegnato in questa direzione».
Durante il suo intervento nel corso del convengo di presentazione del progetto “Il Sole a portata di tutti”, che si è svolto questa mattina, martedì 6 novembre, a Montepulciano, il presidente Gattavecchi ha ricordato come il Consorzio sia da sempre stato attento alla tutela e alla salvaguardia del territorio che proprio a Montepulciano basa la sua architettura anche sull’impatto paesaggistico al quale contribuiscono i vigneti stessi. Per questo, ha ricordato, occorrerà proseguire con azioni di sinergia per lo sviluppo sostenibile del territorio che in Toscana, in particolare, rappresenta gran parte dell’economia tra produzioni agroalimentari di qualità, come il Vino Nobile e la Chianina, e il turismo, volano dell’economia locale, animato proprio dalla bellezza del paesaggio.
«La nostra storia – ha aggiunto Gattavecchi – è strettamente legata al paesaggio e al vino che da sempre si produce a Montepulciano. Dobbiamo pertanto stare attenti agli equilibri ambientali perché anche da questi aspetti può crescere il valore aggiunto del nostro prodotto». A questo proposito il presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano ha ricordato alcune delle attività progettuali in corso con l’Amministrazione comunale, tra queste la realizzazione di una centrale a biomasse in grado di fornire energia alla popolazione locale attraverso il riutilizzo degli scarti provenienti dalla viticoltura e più in generale dal sistema agricolo locale.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523