Progetto atletica nella scuola

Progetto atletica nella scuola. Sviluppo attivit9 motorie per baòbine e bambini finalizzata alla promozione dell\'atletica leggere

Progetto atletica nella scuola

Progetto atletica nella scuola


Nella foto, la presentazione del progetto presso la Sala Consiliare del Palazzo Comunale



MONTEPULCIANO (9 Mag) – E’ stato presentato il progetto “Atletica nella scuola – Sviluppo attività motorie per bambini e bambine finalizzato alla promozione dell’atletica leggera”, che vede impegnati il Comune di Montepulciano, l’Unione Polisportiva Poliziana e la Direzione Didattica e che gode del patrocinio del CONI e della Federazione Italiana Atletica Leggera di Siena.
Il progetto é stato presentato nella Sala Consiliare del Palazzo Comunale, alla presenza di alcune scolaresche interessate, da Giuliano Olivieri, Assessore allo Sport, Roberto Tofanini, Assessore all’Istruzione, Doriano Bui, Presidente A.S.D. Unione Polisportiva Poliziana, Marco Mosconi, Dirigente Scolastico e Simone Titoli, Referente Tecnico del Progetto.
L’obiettivo generale del progetto è quello di fornire ai circa 200 bambini partecipanti le basi psico-fisiche che permettano loro di affrontare in seguito qualsiasi tipo di sport e nello specifico l’atletica leggera.
In un periodo in cui l’attività fisica sta subendo delle restrizioni (come ad esempio nelle scuole), in cui è sempre più difficile riuscire a capire quale sia lo sport migliore per i propri figli e soprattutto in cui si è arrivati ad una percentuale del 23,9%[1] di bambini soprappeso all’età di 9 anni, il progetto intende offrire ai ragazzi di 1.a e 2.a elementare l’opportunità di divertirsi e mantenersi in buona salute attraverso l’apprendimento di alcune capacità fondamentali per la loro crescita.
Per poter raggiungere l’obiettivo finale si è fatto ricorso a metodologie di lavoro che favoriscano lo sviluppo generale della motricità, ampliando la base dei movimenti e proponendo esperienze di tipo multilaterale.
Per multilaterale si intende la strutturazione più ampia di tutti gli schemi motori di base possibili per le capacità del bambino di questa fascia d’età.
Nello specifico il lavoro si è concentrato su:
Arti inferiori: camminare, correre, saltare.
Tronco: rotolare, strisciare, arrampicarsi.
Arti superiori: afferrare, lanciare, prendere.
Oltre a questi schemi di base, si è lavorato anche sulle capacità coordinative (in particolare sul controllo motorio, sull’apprendimento motorio, sulla ritmicità e sull’orientamento), su quelle psichiche (perché al giorno d’oggi non c’è insegnamento in cui non preveda anche un approccio psicologico) e sulla socializzazione attraverso il contatto con gli altri bambini.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523