Vecchia Cantina: nuovo presidente

Piero Di Betto è il nuovo presidente della Vecchia Cantina di Montepulciano, è stato eletto all’unanimità dal consiglio d’amministrazione della cooperativa, nel corso della riunione dello scorso 24 ottobre. Di Betto succede a Enrico Trabalzini che ha rassegnato le dimissioni per motivi strettamente personali, ma che rimane comunque nell’organismo dirigenziale dell’azienda.

Vecchia Cantina di Montepulciano, Piero di Betto il nuvo presidente


Montepulciano 3 Novembre 2008  Piero Di Betto il nuovo presidente della Vecchia Cantina di Montepulciano, stato eletto allunanimit dal consiglio damministrazione della cooperativa, nel corso della riunione dello scorso 24 ottobre. Di Betto succede a Enrico Trabalzini che ha rassegnato le dimissioni per motivi strettamente personali, ma che rimane comunque nellorganismo dirigenziale dellazienda. Nella stessa riunione Alvaro Rosi ha assunto lincarico di vicepresidente.


La Vecchia Cantina di Montepulciano che ha festeggiato lo scorso anno i settanta anni di vita, una cooperativa formata da circa 400 soci, una delle pi grandi cantine della Toscana con oltre 90.000 quintali di uve raccolte e circa 60.000 quintali di vino prodotto, di questo circa la met a marchio DOCG in particolare Vino Nobile, Chianti e Chianti Colli Senesi; ma la gamma di vini prodotti dallazienda poliziana molto vasta e comprende anche numerosi DOC e IGT, sia rossi che bianchi.


Nel 2007 la cooperativa ha avuto ricavi per circa 13 milioni e mezzo  di Euro e le previsioni per lanno in corso, nonostante la crisi dei mercati, evidenziano un trend positivo con un sicuro incremento del fatturato.


Oltre al mercato nazionale che assorbe oltre la met dellintera produzione, i vini della Vecchia Cantina vengono esportati in particolare nei paesi del nord Europa e negli Stati Uniti; ma recentemente si sono aperte linee di commercializzazione anche nei paesi dellest e in oriente, dove trovano grande apprezzamento in Giappone e Cina.


Di Betto ha dichiarato di voler svolgere il suo mandato nel segno della continuit, migliorando ed ampliando le strutture aziendali e impegnandosi verso i soci produttori per garantire adeguati profitti,  tanto che, reinvestendo una parte delle loro entrate, possano contribuire al miglioramento della qualit delle uve e di conseguenza, del prodotto finito.


A  met del mese di maggio, lazienda fu interessata da una serie di controlli da parte della Finanza, tendente al rispetto del disciplinare di produzione del Nobile. Lindagine che ancora non conclusa, riguarda solo una piccolissima parte della produzione di vino, meno del due per cento e non ha nulla a che vedere con sofisticazioni alimentari; tanto che il rapporto di fiducia con la clientela, non stato minimamente intaccato.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523