Il Vino Nobile

Thierry Desseauve e il Prof. Duburdieu guideranno una degustazione sul Nobile

Dal 21 al 25 giugno il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano sarà protagonista al Vinexpo di Bordeaux con uno stand e un appuntamento promosso insieme alle istituzioni per presentare le ultime annate e il meglio delle eccellenze agroalimentari della territorio senese

Otto etichette per un pubblico selezionato di operatori e giornalisti internazionali. Quale vetrina migliore per presentare la filosofia produttiva del Vino Nobile di Montepulciano, se non quella del Vinexpo di Bordeaux dove il Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano sarà presente allo stand 146 della Hall 1 e dove lunedì 21 giugno, dalle ore 12,30 alle 14 presso la hall 2 della sala 231 darà vita a una orizzontale unica con otto vini, annate 2006 e 2005, presentati dal luminare dell?Università di Bordeaux, Denis Duburdieu, accompagnato da Thierry Desseauve (della agenzia Bettane&Desseauve).

"Sarà un momento di grande importanza" commenta Federico Carletti, Presidente del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano "in cui il nostro prodotto sarà al centro dell'attenzione di esperti e buyers all'interno di uno dei templi del vino, il Vinexpo, riferimento internazionale per il settore dal quale ci aspettiamo di poter ribadire il concetto di produttività a Montepulciano". La degustazione, su prenotazione (www.italianissima.info) sarà accompagnata da alcuni dei prodotti dell'eccellenza agroalimentare della provincia di Siena che seguiranno il Consorzio del Vino Nobile in tutti i giorni di Fiera.

Nello stand del Consorzio saranno rappresentate 20 aziende di Montepulciano per proporre le ultime annate in commercio (il Nobile 2006 e le Riserve 2005). Dopo la ProWein, il Vinitaly e Londra insomma una nuova occasione internazionale per misurare quelle che sono le evoluzioni di un mercato che in tutto il mondo del vino sta rappresentando delle frenate, soprattutto proprio verso l?estero, fetta che per il Vino Nobile nel 2008 ha toccato il 71% della produzione. L?export si rivolge ai paesi europei (circa il 70% della quota), dove Germania, con il 30%, e Svizzera (27%) restano i principali mercati, ma crescono le quote destinate a Gran Bretagna (4% nel 2008) e paesi nordici. Si riconferma in forte crescita anche il mercato Usa che nel 2008 ha assorbito il 14% delle esportazioni. Continua la conquista anche per i mercati emergenti dove il Nobile esporta circa il 15% del prodotto, in particolare in Asia (10 per cento). «In un mercato internazionale così aperto - spiega il Presidente del Consorzio, Federico Carletti - sentiamo sempre di più come produttori l'esigenza di avvicinare i buyers cercando di capire anche cosa il consumatore si aspetti dai nostri vini».

E proprio su questo tema una recente indagine condotta dal Consorzio del Nobile ha dimostrato che negli ultimi 15 anni i produttori avrebbero contribuito abbastanza o molto (92% delle risposte) ad accrescere la qualità del Nobile riuscendo però a mantenere equilibrato il rapporto tra qualità e prezzo. L'opinione degli intervistati nei confronti del Nobile è cambiata in meglio negli ultimi anni grazie ai vari eventi di avvicinamento al prodotto offerti dal Consorzio: il 52% degli intervistati ha dichiarato che cambierà in meglio anche le sue abitudini rispetto al Vino Nobile.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523