Una targa per ricordare i caduti di Abbadia

Le ricerche storiche hanno portato alla luce ben quindici casiUna targa per non dimenticare i caduti di Abbadia di MontepulcianoSarà scoperta domenica dal Sindaco al Centro Civico

Domenica prossima, 4 luglio, al Centro Civico di Abbadia di Montepulciano, alle  10.00, sarà inaugurata una lapide commemorativa che ricorda le vittime civili della frazione durante il ventennio fascista e il passaggio del fronte.

 

I morti sono quindici, un numero elevato per un piccola comunità che da il senso dell’orrore della guerra.

 

Le ricerche hanno consentito di individuare tra le vittime i tre giustiziati dalle cosiddette squadracce fasciste tra il 1921 e il 1922 (Bruno e Ottorino Castellani e Angiolo Bernardini); Angelo Montiani e Aldo Pascucci, impiccati dalle SS nel 1944, al Bosco del Pantano; Luigi Cagnacci, il patriota fucilato dai tedeschi nel 1944; Vittorio Bernardini, Pasquina Angiolini, Tullio Bastreghi e Gioconda Fanciulli, uccisi durante la battaglia del passaggio del fronte tra il 29 ed il 30 giugno 1944; Angelo Lorenzoni, Giannino Fanciulli e Maria Giomarelli, mamma di Lorenzoni, saltati sulle mine, e Armida Biancucci e Valentina Duchini, schiacciate in un incidente da un camion militare inglese.

 

La commemorazione parte dalla pubblicazione nel 2007 del  libro di Alessandro Angiolini (oggi Assessore all’Ambiente) "La casa del popolo e  la casa del fascio ad Abbadia di Montepulciano"; i risultati, in qualche caso sorprendenti, delle ricerche fecero emergere la volontà di ricordare quei morti con una lapide.

 

Alla cerimonia sarà presente il Sindaco Andrea Rossi che scoprirà la targa.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523