Scoperti affreschi dimenticati del '700 durante lavori di restauro

Durante la ristrutturazione trovati affreschi dimenticati del ‘600 e ‘700La clamorosa scoperta richiama le opere di Andrea Pozzo

E stata inaugurata a Montepulciano la dimora storica Palazzo Carletti, piccola e lussuosa struttura ricettiva che occupa il piano nobile dellomonimo edificio, situato in Via dellOpio nel Corso, in pieno centro storico.

Ci che per ha suscitato profonda sorpresa tra gli stessi autori del complesso intervento di restauro stato il ritrovamento in tutte le stanze che circondano il grande salone centrale di soffitti a volta decorati con affreschi del XVII e XVIII secolo.

E stata la demolizione dei soffitti fatti costruire tra il 1960 ed il 1970 a rivelare la presenza di straordinarie opere darte, ormai dimenticate, sulle quali si rivolta lattenzione di esperti e studiosi.

Ed apparsa subito evidente la somiglianza tra alcuni dipinti murali (in particolare quelli che impreziosiscono lattuale suite intitolata proprio al Conte Carletti) e quelli che si possono ammirare nel salone di Palazzo Contucci opera, come noto, di Andrea Pozzo e dei suoi allievi.

Lipotesi pi probabile che tutto ruoti intorno ad un intervento architettonico e decorativo dei primissimi decenni del settecento, realizzato ancora da un Francesco Saverio Carletti (avo del pi noto plenipotenziario che tratt con il Direttorio francese alla fine del secolo) che poi quello che ha dato origine allattuale impianto del Palazzo. E possibile che lambiente artistico in cui sia maturato lintervento sia quello senese dello stesso periodo storico in cui architetti quali Giacomo Franchini o Sebastiano Rossi, stuccatori quali i Mazzuoli o i Cremoni e pittori quali i Nasini, sono segnalati, da documenti a noi noti per altri lavori in quegli anni a Montepulciano. afferma larchitetto Riccardo Pizzinelli, direttore del restauro e studioso darte.

 

IL PALAZZO CARLETTI A MONTEPULCIANO

La costruzione del palazzo Carletti, poi Nerazzini, o meglio la completa ristrutturazione degli originari volumi medioevali che hanno dato luogo al palazzo, da far risalire alla prima met del settecento.

Il palazzo ricordato ancora come Carletti, alla fine dell800, nella guida di Ersilio Fumi, e pass ai Nerazzini, a seguito del matrimonio con una Carletti nella seconda met del XIX secolo. Successivamente allalienazione delledificio, verso la met del novecento, lo stabile stato smembrato ed utilizzato in parte per abitazioni e in parte per uffici.

In particolare lappartamento al piano nobile, uno dei pochissimi esempi di appartamento settecentesco con salone completamente dipinto ed affrescato, cos come i soffitti delle camere con altezze vicine o superiori ai 6 metri,   stato usato in passato per gli uffici del Consorzio di Bonifica della Valdorcia e poi come sede prima del PCI poi dei DS.

 

LA FAMIGLIA CARLETTI, NOBILI DI MONTEPULCIANO

La famiglia Carletti fu ammessa ai primi onori di Montepulciano nel 1699 con messer Francesco Xaverio. Il figlio di Francesco Xaverio, Mariotto Carletti, ottenne nel 1762 l'iscrizione sua e della famiglia nel Libro d'Oro dei nobili di Montepulciano.

Ma il personaggio pi famoso della famiglia Carletti fu certamente il Conte Francesco Saverio che, alla fine del 700, tratt e sottoscrisse con il Direttorio francese un patto di neutralit ed amicizia tra il Granducato di Toscana e la Francia.

Francesco Carletti conobbe grande fama ma perse gran parte degli averi e fu costretto alla fuga per aver troppo osato nella politica europea della fine del 1700.

Alla fine della seconda met dell800, precisamente il 10 settembre 1888, il palazzo pass alla famiglia Nerazzini, a seguito del matrimonio tra Cesare Nerazzini e lultima discendente dei Carletti, Egle. Qui visse lultima parte della sua vita Cesare Nerazzini, incredibile figura di medico e diplomatico che, quasi un secolo dopo il Carletti, tratt per lItalia con il Negus dopo la battaglia di Adua in cui gli etiopici avevano sconfitto gli italiani.

 

IL PROGETTO DI RECUPERO

Lintervento ha comportato opere di restauro e risanamento conservativo che hanno permesso il recupero degli elementi tipologici formali e strutturali originari avendo cura di non interessare assolutamente gli elementi strutturali, architettonici e decorativi di pregio presenti.

Aspetto saliente dellintervento stato la demolizione delle controsoffittature piane realizzate negli anni 1960/1970 che avevano sostanzialmente tagliato e reso invisibili i soffitti a volte delle sale attorno al salone monumentale (che invece appariva inalterato nel suo soffitto a cassettoni) e che sono dunque tornati ad essere interamente visibili.

 

IL RESTAURO DELLE VOLTE DIPINTE

A seguito di saggi che hanno preceduto la demolizione delle controsoffittature, sono emerse alla vista alcune decorazioni e dipinti settecenteschi nelle volte originarie dei vani intorno al salone.

Lintervento di restauro scientifico dei soffitti dipinti stato compiuto dalla D.ssa Anne-Katrin Potthoff Sapia di Arezzo e dalla Ditta ICONOS restauri s.n.c. di Firenze.

 

LA RESIDENZA DEPOCA PALAZZO CARLETTI

La Dimora dEpoca Palazzo Carletti situata al piano nobile dellomonimo palazzo. Lidea che ha animato il lungo lavoro di restauro di questo palazzo stata il recupero della sua bellezza. Da qui la scelta di utilizzare solo materiali naturali ed il lavoro totalmente artigianale di quanti hanno collaborato al tentativo di trovare un equilibrio tra passato e presente.

Palazzo Carletti una dimora storica di charme o di lusso che per le sue piccole dimensioni non pu offrire una gamma completa di servizi alberghieri. Ma dietro tutto quanto stato fatto (il confort, i dettagli, i servizi inclusi nel soggiorno ed il personale) viene dichiarato un solo scopo: regalare allospite unesperienza di questa bellezza in modo personale, sereno e senza condizionamenti.

Palazzo Carletti ha 3 suite e 2 camere doppie tutte non fumatori ed ognuna con caratteristiche uniche ed affreschi del 17 e 18 secolo. A disposizione anche un grande salone interamente affrescato.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523