Eduardo al Kursaal

Martedì 27 gennaio la geniale creatività di De Filippo al Teatro Poliziano. Silvio Orlando racconta come conobbe il grande autore napoletano.

Dicembre 1931: i fratelli Eduardo, Peppino e Titina De Filippo firmano un contratto di
appena sette giorni con il Cinema Teatro Kursaal, un locale provvisto di un piccolo
palcoscenico attrezzato alla meglio per spettacoli di prosa. Il debutto avviene il 25
dicembre con “Natale in casa Cupiello” ed è subito successo, un successo di tali
proporzioni da rendere necessaria la proroga del contratto, dapprima per due settimane,
poi per alcuni mesi, fino al maggio del 1932.


Da questa storica esperienza nasce lo spettacolo “Eduardo al Kursaal” che martedì 27
gennaio, alle 21.15, approda al Teatro Poliziano di Montepulciano nell’ambito della
stagione di prosa organizzata dal Comune.


La rappresentazione, sicuramente una delle più attese dell’intero cartellone, ripercorre
proprio i primi anni dell'attività teatrale di Eduardo attraverso i suoi atti unici.


In programma cinque atti unici (“Sik-sik, l’artefice magico” del 1929; “Requie all’anema
soja” del ’32; “Quei figuri di trenta anni fa” del ’29, “Pericolosamente” del ’38 e “La
voce del padrone”) che vedranno uno degli attori più amati dal pubblico cinematografico
nazionale calcare per la prima volta la scena del “Poliziano”.


Parliamo di Silvio Orlando, 46 anni, napoletano purosangue, divenuto uno degli interpreti
preferiti dei maggiori rappresentanti del cinema d’autore italiano degli anni ’90.


Orlando viene dal teatro e vi è tornato già nel ’98 interpretando due farse di Peppino De
Filippo di cui è stato anche protagonista. All’indimenticabile protagonista dei film di
Moretti, Luchetti, Salvatores e Virzì abbiamo chiesto il primo ricordo che ha di Eduardo
De Filippo.


“Risale agli anni ’60, quando frequentavo ancora le elementari e, tornando da scuola,
trovavo la mia famiglia in fermento perché la sera la televisione avrebbe trasmesso una
commedia di Eduardo De Filippo”.


“Allora la cosa mi sembrava già strana – spiega con la abituale, raffinata ironia Silvio
Orlando - perché di giorno cercavamo di “ripulirci” dal dialetto, di eliminare dalla
nostra lingua i residui che ci erano rimasti appiccicati dagli anni trascorsi nella
Napoli dei vicoli e la sera, davanti all’unico televisore condominiale, eravamo
orgogliosi di ritrovare quell’identità dalla quale eravamo come fuggiti”.


Quali sono le caratteristiche di De Filippo autore giovane ?


“E’ un teatro “folle”, che prende alle viscere prima che al cervello” risponde
Orlando. “Un teatro che, miracolosamente, riusciva ad azzerare le differenze, ad unire
ceti e classi in nome della maestria attoriale, del grande divertimento. Bisogna poi
pensare che, per contratto, ogni lunedì l’atto unico da portare in scena doveva cambiare
e questo da un’idea della formidabile vena creativa di Eduardo”.


Vuole inviare un messaggio al pubblico di Montepulciano ?


“Benvenuti al Teatro Kursaal, prima tappa – forse – di quel breve, interminabile viaggio
dai quartieri – bene di Napoli dove vivevo da bambino al ventre della città; sono cinque
fermate in tutto di autobus ma scusate la lentezza: noi napoletani sappiamo sempre una
cosa più degli altri ma ne facciamo sempre una di meno !”.


IL BOTTEGHINO


Platea e palchi centrali 1°, 2° e 3° ordine: Euro 20,00; palchi 4° ordine e palchi
laterali 1°, 2° e 3° ordine: 15 Euro. Studenti: 10 Euro (esclusivamente 4° ordine e
palchi laterali). Informazioni e prevendita: Comune di Montepulciano, Ufficio Cultura,
tel. 0578/712.228 – 712.227.


Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523