SILVIO ORLANDO APRE LA STAGIONE DEL POLIZIANO

Giovedì 8 dicembre, “Il nipote di Rameau”: un debutto satirico
A Montepulciano un artista celebre per uno spettacolo di successo“Si ride per un uomo che vuole vendersi, ma nessuno più se lo compra”

Il nuovo spettacolo di Silvio Orlando inaugura la nuova
stagione del Teatro Poliziano. Da giovedì 8 dicembre (ore 21.15) a fine
marzo, in programma rappresentazioni per tutti i gusti. Tra i numerosi
abbonati provenienti da un ampio bacino territoriale, si rinnova la
promozione del Comune di Cetona che mette a disposizione un servizio navetta
e garantisce un contributo ai cittadini abbonati al Poliziano.  


Un’apertura prestigiosa, con una pièce che ha debuttato quest’anno e ha già
ottenuto i riscontri positivi di critica e pubblica. “Il nipote di Rameau” è
un capolavoro satirico firmato da Denis Diderot nel secondo settecento. È la
parabola grottesca di un musico fallito, cortigiano convinto, immorale per
vocazione, avvolto in un lucido desiderio di morire. Nella sua imbarazzante
assenza di prospettive edificanti, nella riduzione della vita a pura
funzione fisiologica, riesce in maniera paradossale a ribaltare la visione
del bene e del male, del genio e della mediocrità, della natura umana e
delle possibilità di redimerla. Rameau si è offerto attraverso i secoli come
un libero servo, un’innocua foglia di fico per padroni a tolleranza
variabile.
 

Silvio Orlando , protagonista e regista, sceglie quindi un titolo che manca
ai nostri teatri dai primi anni novanta; nel frattempo è passato un
ventennio di profonde mutazioni nel tessuto della nostra società civile: le
acrobazie intellettuali del testo assumono quindi un profilo nuovo e
violento. Con tanti nuovi motivi di aspro divertimento. 
 

Sul palco ci sono anche attori come Amerigo Fontani e Maria Laura Rondanini
che arricchiscono l’allestimento con le loro qualità interpretative. Il
clavicembalo di Simone Gullì garantisce invece i segmenti musicali eseguiti
dal vivo per una produzione che arriva a Montepulciano forte del plauso
ricevuto nei principali teatri italiani. 
 

Silvio Orlando è un volto celebre del cinema e del teatro: vincitore del
Nastro d’argento e del David di Donatello come miglior attore, ha lavorato
con calibri come Nanni Moretti, Paolo Virzì e Pupi Avati. Una carriera
brillante a cui si aggiunge ora questo nuovo spettacolo teatrale: “Questo
testo è l’apologia del servilismo - spiega Orlando - e ho sentito l’esigenza
di riprenderlo in mano per raccontare con le parole di Diderot le nostre
vicende quotidiane, ma soprattutto per capire che cosa di mio c’è in Rameau,
questo servo convinto di esserlo, un uomo disperato perché ha paura che
nessuno più se lo compri”. 

 
BOTTEGHINO > Settore 1: 18 euro – Settore 2: 14 euro – Giovani e studenti:
10 euro

INFO: FONDAZIONE CANTIERE INTERNAZIONALE D’ARTE - Montepulciano (Si) | Tel.
0578 757007 |   info@fondazionecantiere.it>
info@fondazionecantiere.it


UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE
Alessio Biancucci
mob. +39 347 8269841
skype: alessiobiancucci
 ufficio.stampa@fondazionecantiere.it>
ufficio.stampa@fondazionecantiere.it

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523