Sala Polivalente

Domenica 29 febbraio inaugurazione “in musica” della Sala Polivalente “Macelli Pubblici”. 450 posti a sedere per una raffinata realizzazione ingegneristica. La storia dell’edificio costruito alla fine dell’800.

Domenica 29 febbraio si inaugura a Montepulciano la Sala Polivalente Macelli Pubblici.
C molta attesa tra la cittadinanza per questo evento che segna la definitiva
assegnazione ad una destinazione di carattere sociale delledificio che, fino alla fine
degli anni 70, ha ospitato il mattatoio pubblico.


IL PROGRAMMA


La cerimonia prevede una parte protocollare molto essenziale e tanto spazio alla musica
eseguita dal vivo e capace di soddisfare il gusto di tutte le generazioni: in questo modo
il Comune ha voluto dare il senso della festa per la comunit valorizzando anche un
aspetto culturale di primo piano della vita del territorio.


Alle 16.30 di domenica, nel piazzale antistante ledificio situato in Via Bernabei,a
pochi metri dal Santuario di S.Agnese, si esibir la Banda dellIstituto di Musica prima
del taglio del nastro effettuato dal Sindaco Piero Di Betto e dallAssessore ai Lavori
Pubblici Luciano Garosi.


Cos, finalmente, il pubblico potr ammirare la nuova realizzazione; seguiranno gli
interventi di saluto dei due amministratori poi ci sar spazio per la musica. Il
programma prevede le esibizioni dei gruppi The Musical Brothers, che eseguir brani
da Jesus Christ Superstar e dai Pink Floyd, Los Tangueros, che proporranno brani da
Astor Piazzola e autori latino americani, e del gruppo di sassofonisti Steel wind che
attingeranno al proprio repertorio di colonne sonore da film e musica anni 70 (Carlos
Santana, I Beatles, The Blues Brothers). Lintero programma stato realizzato grazie
alla collaborazione con lIstituto di Musica e lAssociazione Amici dellIstituto di
Musica. Al termine del concerto sar offerto un aperitivo a tutti gli intervenuti.


LA SALA POLIVALENTE


La Sala Polivalente comprende un'ampia hall di ingresso dalla quale si accede alla sala
principale, alla scala per il piano superiore ed ai servizi.


La platea ha una superficie di circa 19 metri per 16 (poco pi di 320 metri quadrati); la
tribuna ha invece una superficie di poco superiore ai 100 metri quadrati. La capienza
dellintera sala di 450 posti a sedere.


Al piano superiore si trovano la cabina di proiezione, la sala stampa ed altri locali di
servizio.


Nella costruzione sono state adottate soluzione tecniche di particolare pregio, prima tra
tutte la copertura, la cui struttura portante formata da capriate in legno lamellare
con tavole sempre in legno; il prodotto della Habitat Legno, azienda primaria in questo
settore a livello nazionale.


Questa soluzione soddisfa lestetica e permette di coprire grandi luci con strutture
portanti di dimensioni relativamente contenute.


La sala poi dotata di tutti gli impianti tecnologici compreso il condizionamento.


Il progetto definitivo stato redatto dalling. Gianluca Terrosi di Montepulciano
Stazione che ha diretto i lavori e realizzato la ricerca storico documentaria, presso
lArchivio Storico della Biblioteca Comunale, insieme allarch. Massimo Trabalzini. L
ing. Roberto Rosati, dellUfficio Tecnico Comunale il responsabile unico del
procedimento; ling. Guido Veltri il collaudatore.


I lavori sono stati consegnati allimpresa COMES (Costruzioni e Manutenzioni Edili e
Stradali) di Villa Adriana Tivoli il 12 dicembre 2001 e sono stati terminati il 5
aprile 2003.


Limporto complessivo previsto compresa IVA, spese tecniche ed allacciamenti di
1.007.090 euro di cui 742.171 euro per i lavori.


Lappalto si concluso rimanendo entro la somma stabilita. Lintervento stato
finanziato per 397.671 euro dai fondi dei cosiddetti patti territoriali; per la parte
restante (610.000 euro) a carico del bilancio comunale


LA STORIA DEI MACELLI PUBBLICI DI MONTEPULCIANO


Lepoca di ideazione dellopera quella successiva allUnit dItalia quando venivano
approntati interventi destinati alligiene pubblica. Agli inizi dell800 vengono
realizzati in Valdichiana i primi cimiteri mentre alla fine dello stesso secolo che
vengono realizzati i Macelli Pubblici di Montepulciano, Acquaviva (1894), Abbadia (1894)
e Valiano, questi ultimi di dimensioni notevolmente pi ridotte.


La delibera del Consiglio Comunale dell11.3.1884 ha per oggetto lapprovazione di un
progetto per la costruzione del mattatoio pubblico redatto dalling. Comunale Eugenio
Batignani. Progetto gi discusso e approvato dal consiglio nel 1881 ma accantonato per il
suo costo di 28.854 lire, troppo elevato rispetto alle 20.000 previste in Bilancio.


Il progetto del 1884 prevede un edificio rettangolare con un ingombro massimo di m 18 X
25 con corte interna; il dimensionamento pensato per n. 410 vaccini, n. 320 suini di
uso pubblico, n. 80 suini di uso privato e n. 3.400 ovini e caprini, pari al fabbisogno
annuale degli 8 macellai operanti nel paese. Tra i principali materiali costruttivi
previsti per la realizzazione compresa la copertura in legno di abete mentre la calcina
quella di Collalto di Sinalunga ed il laterizio delle fornaci locali.


Al momento della costruzione, inizialmente prevista vicino a S.Biagio poi spostata nella
sede attuale, ledificio presenta dimensioni maggiori. Prima del 1905 viene compiuto un
intervento di ristrutturazione ed ampliamento.


Lattivit di macello comunale viene cessata alla fine degli anni 70.


Il 16 novembre 1984 il Consiglio Comunale approva un progetto esecutivo di sistemazione e
ristrutturazione del fabbricato redatto dallingegnere comunale Dante Turchi con una
spesa prevista di 800 milioni di lire. Il progetto prevede, tra laltro, la demolizione
delle murature portanti interne, la demolizione degli stabbioli e la realizzazione di una
nuova copertura comprendente anche la corte interna.


Dunque ledificio come lo vediamo oggi molto differente da quello originario: alla
corte interna scoperta stato gradualmente sostituito un edificio a blocco
monofunzionale negli spazi interni. Delle facciate quella che non ha subito alterazioni
la principale.

Il Comune di Montepulciano in data 28 marzo 1987 affid in appalto allimpresa Toffolo di
Roma i lavori di ristrutturazione dellex-mattatoio; i lavori furono consegnati il 22
maggio 1987 ma, al sopraggiungere delle festivit natalizie, limpresa abbandon il
cantiere senza ultimare i lavori.

A fine 1995 inizio 1996 ling. Terrosi fu incaricato di redigere un progetto di
ristrutturazione dellex-mattatoio prevedendo fin da allora una sala congressi dal quale
derivato poi il progetto definitivo.

Il 2 stralcio, da finanziare, prevede la ristrutturazione dei locali adiacenti con
realizzazione di due salette da 80 posti, bar e altri locali secondari. Per questo
stralcio sono stati richiesti i finanziamenti e lAmministrazione in attesa delle
risposte.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523