Al via l’Anteprima Cantiere

La manifestazione di Montepulciano premiata dall’UE Domani 16 luglio, debutta a Sarteano “La tempesta” Sono 43 gli spettacoli in programma fino al 28 luglio

Si susseguono le novità attorno al 38° Cantiere Internazionale d’Arte, in programma dal 19 al 28 luglio, con un’edizione ispirata al tema dell’acqua: la trilogia legata agli elementi è guidata da Vincent Monteil, direttore artistico, e da Roland Böer, direttore musicale. La notizia più lusinghiera, com’è noto, proviene da Bruxelles: l’Unione Europea ha infatti conferito un importante riconoscimento alla manifestazione poliziana sul programma cultura, nella linea di finanziamento per i festival culturali (strand 1.3.6), selezionando soltanto undici manifestazioni tra le più meritevoli d’Europa: il Cantiere Internazionale d’Arte è l’unica rassegna italiana ad ottenere il contributo.

LA CULTURA EUROPEA: MONTEPULCIANO CON SIENA 2019
L’edizione 2013 è legata al tema dell’acqua, elemento vitale per gli esseri umani, come precisa Monteil: “Montepulciano si immerge quest’anno nelle diverse forme della cultura, muovendosi sull’acqua con le sue interpretazioni simboliche. Ho il piacere di dedicare questo 38° Cantiere all’Europa unita: il mio scopo sarà quello di trasformare Montepulciano, per 10 giorni, nella capitale europea della musica e delle arti.” 
Emerge così anche la partnership della Fondazione Cantiere per promuovere la candidatura Siena 2019 come capitale europea della Cultura: a Montepulciano sarà installato uno stand multidisciplinare nel periodo della rassegna. Il team organizzativo di Siena 2019, diretto dal prof. Pierluigi Sacco, individua quindi la città poliziana come polo di riferimento nel territorio senese per una candidatura che rappresenti realmente l’intera area provinciale.
LO STUDIO
All’impegno del prof. Sacco si deve anche la collaborazione tra il 38° Cantiere e lo IULM di Milano che permetterà di realizzare una valutazione scientifica sull’impatto sociale ed economico della manifestazione. Uno staff di esperti ricercatori si muoverà a Montepulciano per tutta la durata della manifestazione con l’obiettivo di studiare e monitorare l’evento.

UN PROGETTO TERRITORIALE CON “AREA CANTIERE”
Il cartellone degli spettacoli è sempre più diffuso tra i Comuni partecipanti della Fondazione Cantiere, con il segmento “Area Cantiere” che quest’anno è ulteriormente rafforzato. Tra le innovazioni del 2013, si distingue al Castello di Sarteano l’Anteprima Cantiere (dal 16 al 21 luglio) con l’allestimento teatrale de “La Tempesta” di Shakespeare, realizzato da Nuova Accademia degli Arrischianti, con la regia di Laura Fatini e Grabriele Valentini. Appuntamenti anche a Chianciano, Montefollonico, San Casciano dei Bagni, Sinalunga e Trequanda. Sono invece due le date in agenda a Cetona (23 e 24 luglio), la seconda delle quali si tiene presso la Comunità Mondo X per garantire nuove opportunità culturali agli ospiti della struttura. 



CARMEN, LA GITANA: UNA VERSIONE CAMERISTICA 
Ispirata al celebre capolavoro di Bizet, va in scena al Teatro Poliziano la prima assoluta di Carmen, la Gitana, un’originale opera da camera commissionata dal Cantiere al compositore francese Pierre Thilloy. L’adattamento musicale è pensato per un gruppo strumentale che evoca le atmosfere zingare: nasce così l’Ensemble Tzigano “Lilas Pastia”, composto in chiaro stile cantieristico dall’incontro tra musicisti francesi e solisti provenienti dall’Istituto di Musica della Fondazione Cantiere. Sul podio debutta a Montepulciano il direttore artistico Vincent Monteil, raffinato interprete del repertorio francese che guida anche l’Opéra Studio di Colmar: proprio dall’istituzione didattica dell’Opéra du Rhin e dall’Operavenir di Basilea arrivano i quattro cantanti, mentre i due attori sono della compagnia Villatheatre. La regista Chiara Villa vuole indagare l’attualità della narrazione: “Con questa Carmen dalla teatralità predominante, ci chiederemo se la sua vicenda non è purtroppo familiare nell’Italia di oggi.” [20-21 luglio]



DREI WASSERSPIELE: OPERA CONTEMPORANEA DI GLANERT
Il linguaggio contemporaneo è una prerogativa del Cantiere: quest’anno tocca alla prima italiana dell’opera Drei Wasserspiele (Tre giochi sull’acqua) di Detlev Glanert. Il compositore tedesco, già direttore del Cantiere, si è affermato in Europa per la sua duttilità che emerge in questo trittico cameristico. La produzione, realizzata in collaborazione con Musikhochschule Nürnberg, Musikhochschule Köln e Stadttheater Fürth, persegue gli obiettivi didattici che animano la manifestazione poliziana. Sarà Guido Johannes Rumstadt a dirigere l’organico della Musikhochschule Nürnberg, composto da nove cantanti, tre archi, tre fiati, percussioni e pianoforte. Suddivisa in tre episodi, la narrazione si basa sui racconti dello scrittore statunitense Thornton Wilder. La drammaturgia musicale si affida al contrappunto dei colori, cercando una nuova connessione con il testo poetico, sulla base delle ricerche più attuali. La sfida sta nell’inseguire nuovi colori con gli strumenti tradizionali, creando un nesso sinestetico con il flusso dell’acqua. La regia è di Georgios Kapaglou. [26-27 luglio]

TEATRO: DA SHAKESPEARE ALL’ATTUALITÀ DI PARAVIDINO 
I due spettacoli di prosa sono costruiti grazie alla collaborazione tra Fondazione Cantiere e Nuova Accademia degli Arrischianti di Sarteano. La novità dell’Anteprima Cantiere si tiene al Castello di Sarteano, dove il bosco e la piazza d’armi restituiscono la magia shakespeariana per l’allestimento de La tempesta. L’adattamento di Laura Fatini e Gabriele Valentini contempla un coro di spiriti e marinai che agiscono tra il pubblico, portando l’azione su quattro distinti palchi (le spiagge dell’isola) per poi confluire sulla scena centrale, dove il perdono di Prospero unisce ciò che la furia della tempesta ha separato. [16-21 luglio]
La malattia della famiglia M è invece la nuova produzione di Carlo Pasquini: la commedia in un atto unico del regista e drammaturgo poliziano apre uno scorcio sull’ordinaria anormalità di una famiglia italiana di provincia, che vive alla deriva tra lo spazio urbano e i non luoghi della memoria. 
[27-28 luglio]

I CONCERTI SINFONICI: ROLAND BÖER SUL PODIO DI PIAZZA GRANDE
 Il maestro Roland Böer guiderà i tre concerti sinfonici che si terranno in Piazza Grande, cuore sociale e culturale della città. Sempre più solido il rapporto tra il direttore di Francoforte e il Royal Northern College of Music di Manchester, formazione residente a Montepulciano; ognuna delle tre serate annovera come solisti uno dei tre artists in residence.
Nel primo appuntamento, tra i brani di Shostakovic e la prima assoluta di Oldrini, si staglia il monumentale Concerto n. 1 per pianoforte e orchestra di Tchajkovskij, con il virtuosismo pianistico di Markus Bellheim; la chiusura è affidata alla sinfonia detta Renana di Robert Schumann che sulle rive del Reno trova l’ispirazione per realizzare un emblema della musica romantica. 
[19 luglio] 






Il secondo programma si muove in equilibrio tra classicismo e modernità: con Ottorino Respighi le radici tradizionali spiccano nel brano Le fontane di Roma. Accanto al recente Fiume senza argini di Glanert, un brano di Elgar che vede impegnato come solista Justus Grimm annuncia la continuità ideale della cultura musicale europea, introducendo quindi il sontuoso La mer di Claude Debussy, tra le pagine sinfoniche più intense del Novecento. [24 luglio]
Il Concerto di chiusura rende omaggio alle ricorrenze quest’anno legate a Richard Wagner, Benjamin Britten e Giuseppe Verdi: sette brani tratti da L’olandese volante saranno eseguiti dell’evento più popolare dell’intero festival; il tema dell’acqua purificatrice è rappresentato dal ben noto epilogo catartico dell’opera. Dal repertorio del barone inglese sono scelti invece i Four sea interloudes da Peter Grimes. L’ossequio al compositore di Roncole conclude il finale della manifestazione con l’integrale dell’atto terzo di Aida. Tra i solisti si distinguono qui il soprano Silvye Valayre e il baritono Ralf Lukas. 
[28 luglio]

OMAGGIO A HENZE
Quella del 2013 è la prima edizione del Cantiere dopo la scomparsa del suo padre fondatore Hans Werner Henze. Doveroso quanto sentito l’omaggio che Montepulciano vuole rivolgere all’ideatore di un progetto più che mai vitale: una celebrazione creativa costruita grazie all’impegno di Fabio Fassone. 
Sarà Gastón Fournier-Facio a coordinare un happening al Teatro Poliziano: chiamati a raccolta nomi e personaggi che hanno fatto la storia del Cantiere, si susseguiranno testimonianze e confronti in un pomeriggio che si chiuderà con la Piccola suite tratta da Pollicino: Luciano Garosi guiderà l’esecuzione dell’orchestra “I ragazzi di Montepulciano”. [28 luglio] 
Un tributo teatrale si terrà al Poliziano a cura di Antonio Fatini: l’autore, stimato da Henze, ha raccolto scritti autografi e riflessioni che il celebrato maestro ha lasciato nella città toscana; a partire da quei documenti, è possibile imbastire una performance che vuole approfondire gli aspetti più intimi e profondi del rapporto tra Henze e Montepulciano. [23 luglio]
Sono inoltre previste proiezioni video emerse da un’accurata ricerca di Mauro Conti e installazioni fotografiche nei luoghi simbolo della città. 

CURIOSITÀ 
Europa, arti figurative, innovazione: la Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte è sempre più aperta alle diverse sensibilità culturali. 
IL PAESE DEI CANTIERISTI
Ogni giornata prevede alle ore 12.30 un concerto della sezione “Il paese dei Cantieristi”: nei luoghi più suggestivi di Montepulciano piccoli ensemble eseguono opere che rappresentano ogni giorno un diverso paese europeo.
STEN+LEX
Sten+Lex, i più affermati esponenti della street art italiana, siglano l’immagine del manifesto con il loro segno astratto che ha conquistato alcune tra le gallerie più prestigiose del mondo. 
EUROPEAN CURRENT
Le innovazioni multimediali sono presenti con European current, un concerto che percorre le correnti della musica contemporanea europea, arricchita dalla suggestioni della visual art. La produzione nasce in collaborazione con il Conservatorio “Luigi Cherubini” di Firenze: ad eseguire il programma diretto da Luciano Garosi sarà infatti l’Ensemble MC dell’istituto fiorentino. In programma brani di Henze e Berio, prime assolute di Tamàs e Salonen, e un riconoscimento alla Lituania che presiede il semestre europeo con pagine di Èiurlionis. L’immagine originale dello spettacolo è di Sten+Lex. 
GIORGIO DE CHIRICO. IL RITRATTO - Figura e forma 
Montepulciano accoglie per tutta l’estate una mostra che studia il rapporto tra de Chirico e il ritratto: 67 le opere del percorso realizzato da Fondazione Giorgio e Isa de Chirico e Fondazione Cantiere Internazionale d’Arte. I concerti da camera del 38° Cantiere, previsti nel chiostro della Fortezza poliziana, interagiscono con il progetto espositivo curato da Katherine Robinson. 

UFFICIO STAMPA E COMUNICAZIONE
Alessio Biancucci
tel. +39 0578 757007 | mob. +39 347 8269841 
ufficio.stampa@fondazionecantiere.it

Diego Mancuso
tel. +39 0578 712202 |  mob. +39 340 7268935
d.mancuso@comune.montepulciano.si .it

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523