Il Consorzio rinnova il Consiglio di Amministrazione

Il 29 aprile lÂ’assemblea dei soci del Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano.
Il Presidente Alamanno Contucci in una lettera a tutti i soci conferma la propria intenzione di non candidarsi ulteriormente per lasciare spazio a nuovi dirigenti.

Per giovedì 29 aprile è convocata l’assemblea del Consorzio del Vino Nobile di
Montepulciano, appuntamento particolarmente importante in quanto all’Ordine del Giorno è
iscritto il rinnovo del Consiglio di Amministrazione, in scadenza dopo tre anni di
mandato.


In vista dell’appuntamento assembleare, Alamanno Contucci, Presidente uscente del
Consorzio, ha inviato una lettera a tutti i soci in cui comunica la propria intenzione di
non candidarsi ulteriormente.
Contucci ricorda i 28 anni di partecipazione attiva alla vita del Consorzio: dal ’76 è
stato infatti consigliere e Presidente, carica, quest’ultima, che ha ricoperto quasi
ininterrottamente negli ultimi ventitre anni fatta eccezione per una breve interruzione
di tre anni.


Contucci definisce splendida la sua esperienza e ricorda, in rapidissima sintesi, i tanti
risultati raggiunti, dalla D.O.C.G. del “Nobile” alle migliaia di giornalisti ospitati a
Montepulciano, dalla creazione di un’efficiente struttura all’avviamento di studi
scientifici di livello mondiale tuttora in corso, dalla crescita esponenziale della
vendita annuale di bottiglie (da 500.000 a 7 milioni e mezzo) fino alla sede – con
annessa enoteca – nel cuore della città e fino al recentissimo ottenimento del controllo
totale della qualità.


Il Presidente afferma poi il proprio orgoglio per la situazione attuale del Consorzio che
ha un bilancio sanissimo, buone prospettive ed è apprezzato a tutti i livelli e per
questo si dice tranquillo.


Contucci conclude ricordando che il Consorzio è la “casa comune” di tutti i produttori,
che tutti devono difendere, diffidando da chi cerca di minarlo ed invita a sostenere il
nuovo Consiglio di Amministrazione affermando che sarebbe un grave errore, in un momento
di difficoltà come questo, non creare un sempre maggiore “spirito di corpo”.
Fin qui la “circolare” di Contucci; è evidente che la notizia ha suscitato a
Montepulciano grande interesse e curiosità.


Interpellato sui motivazioni che sono alla base della sua decisione, Contucci ha
confermato quanto scritto, facendo riferimento al lungo impegno ed al desiderio di
lasciare spazio ad altri, ma ha anche ricordato che già nel 2001, al momento
dell’insediamento di questo Consiglio di Amministrazione, aveva accettato la carica di
Presidente proprio perché affiancato da due giovani vice con i quali avrebbe dovuto
percorrere insieme questo cammino. I due vice sono Enrico Trabalzini, poi diventato
Presidente della Vecchia Cantina, più impegnato – per formazione personale – sul fronte
tecnico, e Massimo Romeo, maggiormente presente sui temi della promozione, comunicazione
e pubbliche relazioni. Dunque era già negli intendimenti generali che Contucci avrebbe
lasciato spazio ad uno dei due giovani vicepresidenti.


Sollecitato poi in merito alle tante voci che si sono levate a Montepulciano a favore di
un suo nuovo impegno (e dunque di un ripensamento) Contucci si è dimostrato lusingato da
tanti attestati di stima ma non si è voluto pronunciare.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523