Nasce il bio-distretto, opportunita per agricoltori ed allevatori

Il Comune pronto a sostenere iniziative di promozione per sbarcare su nuovi mercati
Bio-distretto a Montepulciano: produzione agricoltura nel rispetto dell’ambiente
In programma la costituzione dell’associazione, aperta a partner privati e pubblici

Nasce il bio-distretto, opportunita per agricoltori ed allevatori

Tra gli appuntamenti in agenda per l’inizio del nuovo anno, l’Amministrazione Comunale di Montepulciano ha anche la formazione del gruppo di lavoro che porterà alla nascita di un bio-distretto.
Il progetto fa parte del programma della Giunta-Rossi, riconfermata dopo le Elezioni Amministrative 2014, ed ha visto gia' alcuni incontri tra l’Assessore Michele Angiolini, che ha la delega all’agricoltura, le associazioni di categoria e altri partner di settore.
Inoltre lo stesso Sindaco Andrea Rossi ha incontrato alcuni rappresentanti del mondo agricolo, dell’associazionismo (per prima, Legambiente) e del gruppo di privati che sostiene il progetto e nell’occasione ha ribadito il forte impegno del Comune, pronto non solo a ricoprire un ruolo di coordinamento ma anche a supportare la costituzione dell’associazione ed a sostenere iniziative che promuovano le produzioni agricole e gli allevamenti biologici.
"Il bio-distretto di Montepulciano non rappresenta ne' una forzatura ne' una novita' per i nostri produttori ed allevatori" afferma il Sindaco. "E’ sempre piu' elevato il numero delle aziende agricole (a partire da quelle vinicole) che aderisce ai protocolli biologici ed ancora piu' ingente la massa rappresentata da quelle che, con esperienza e passione, operano nel pieno rispetto dell’equilibrio ambientale, eliminando gli agenti chimici ed offrendo ai consumatori prodotti freschi, genuini, salutari e perfettamente in linea con le secolari tradizioni del territorio".
Secondo stime comunicate dai partner privati del progetto, in Valdichiana Senese le aziende certificate biologiche sono già oltre 150 ed il numero di quelle che nel solo territorio di Montepulciano hanno avviato la conversione verso questa modalità produttiva e' recentemente raddoppiato.
"La certificazione biologica e' anzitutto un marchio di qualita' importantissimo per i nostri prodotti, ai quali fa acquistare competitivita' su un mercato sempre piu' attento a questi valori: il bio-distretto e' un’opportunità imprenditoriale seria, concreta e il Comune intende sostenerla" fa notare l’Assessore Angiolini. "E’ poi una filosofia, un’impostazione lavorativa che riduce al minimo l’impatto ambientale dell’agricoltura e dell’allevamento, contribuendo alla salvaguardia del territorio; presenta, infine, un profilo culturale non indifferente. Una terra "non sfruttata" ma, al contrario, rispettata - sottolinea Angiolini - diventa la bandiera di un territorio eco-sostenibile ed un elemento di attrazione per il turismo culturale, naturalistico ed enogastronomico".
Il percorso suggerito dall’Amministrazione Comunale, e condiviso dagli altri partner, vede coinvolti tutti i soggetti che fino ad oggi hanno promosso questa progettualita'. Il primo passo sara' la redazione dello statuto dell’associazione; poi si passera' alla formazione della stessa a cui le Istituzioni, gli imprenditori e le componenti sociali interessate potranno volontariamente aderire. L’obiettivo è formare in partenza una massa critica significativa che dia forza al progetto.
"Il bio-distretto non comportera' ulteriori adempimenti per le aziende - conclude il Sindaco - ma vuole rappresentare principalmente un’opportunità, anche in vista della storica innovazione rappresentata dall’arrivo dell’acqua dalla diga di Montedoglio. Il Comune si impegnera' infine per favorire la ricerca di nuovi sbocchi di mercato".

Ufficio Stampa - 13 gennaio 2016

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523