Il decoro della Citt

Una ricerca inedita sulle opere d’arte minori rivela altre ricchezze di Montepulciano. Il nuovo volume della Società Storica Poliziana e della Banca di Credito Cooperativo sarà presentato nella Sala della Giunta del Palazzo Pubblico

Dietro le grandi e conosciutissime opere darte ed architettoniche che ne hanno fatto un
simbolo del Rinascimento, Montepulciano nasconde un vastissimo patrimonio di opere
cosiddette minori, inevitabilmente messe in ombra dalle firme del Sangallo, dei Della
Robbia o del Vignola ma talmente importanti da contribuire alla formazione del
cosiddetto decoro della citt.




Mai nessuno aveva compiuto una ricerca sistematica su queste opere (facciate
storiche minori, portali, tabernacoli, lapidi, iscrizioni, stemmi gentilizi, orologi
pubblici e meridiane) e la lacuna stata colmata dalla Societ Storica Poliziana che tra
i suoi scopi istituzionali ha proprio quello di valorizzare il patrimonio artistico
meno conosciuto per contribuire a formare una conoscenza pi completa possibile di
Montepulciano.



E cos, grazie alla curiosit ed allimpegno dei ricercatori poliziani, per il terzo anno
consecutivo larrivo delle festivit natalizie sar salutato con una nuova pubblicazione
dedicata alla cultura e allarte. Il volume, intitolato Il Decoro della Citt Elementi
artistici minori a Montepulciano, realizzato grazie al contributo della Banca di Credito
Cooperativo di Montepulciano e pubblicato dallEditrice Le Balze, sar presentato venerd
17 dicembre, alle 17.30, nella Sala della Giunta del Palazzo Pubblico con il patrocinio
dellAmministrazione Comunale.



Come spiega Riccardo Pizzinelli, Presidente della Societ Storica Poliziana e
coordinatore dellopera, parliamo di singoli elementi artistici, definiti minori ma
spesso consistenti in veri e propri capolavori di alto artigianato artistico, la cui
lettura in chiave contemporanea consente di delineare il decoro di un luogo. Sia il
tipo di studio (che ha gi prodotto oltre 90 schede e 600 fotografie, tutte pubblicate)
prosegue Pizzinelli sia il volume sono da considerare una vera e propria novit proprio
perch stata indagata la citt minore di cui poco si conosce.



Per il terzo anno consecutivo dichiara Alamanno Contucci, Presidente della Banca di
Credito Cooperativo - nel periodo natalizio, offriamo alla nostra comunit un libro che
tende ad esaltare e a far conoscere meglio le tante ricchezze artistiche che
fortunatamente abbiamo. E in questo caso si pu quasi fare un parallelo con la nostra
banca che, per la piccola dimensione ed espansione territoriale, potrebbe
sembrare minore ma proprio in questa sua snellezza racchiude la forza e la capacit di
essere punto di riferimento costante ed insostituibile per i territori dove operiamo.



Il volume propone un testo introduttivo storico architettonico di Stefano Bertocci,
docente di Architettura allUniversit di Firenze e profondo conoscitore della realt
urbana della Montepulciano storica ed un ulteriore scritto sulleredit che il
Rinascimento ha lasciato nei secoli successivi.


La parte centrale del libro, dove si analizzano in maniera puntuale i numerosi aspetti
approfonditi, propone i capitoli dedicati alle facciate storiche minori ed ai portali,
a cura di Elisabetta Canapini; agli aspetti devozionali religiosi dei tabernacoli (Andrea
Rinieri e Antonio Sigillo), alle lapidi ed iscrizioni (Alessandro Angiolini), agli stemmi
gentilizi e non (Duccio Pasqui), alle meridiane ed agli orologi pubblici (Giorgia
Scarpelli). Claudia Neri ci cimentata nello studio delluso del ferro e della ghisa
mentre Fabio Fiorini e Renzo Formichi hanno redatto i testi sulluso e sullorigine dei
materiali da costruzione storici. Al volume hanno collaborato anche Mario Morganti e
Renzo Giorgetti, forse il pi profondo conoscitore di orologi murali della Toscana.


Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523