Restaurato il fortepiano Graf

Torna alla vita un fortepiano del 1826 di proprietà della famiglia Contucci con due straordinari concerti di Malcolm Bilson ed Eleonora Contucci. Nel salone del palazzo riecheggiano le autentiche sonorità ottocentesche

Un antico e rarissimo strumento musicale, un musicista di assoluto valore mondiale, un contesto artistico-architettonico pressoché unico, una storica e prestigiosa azienda vinicola.
Con questi ingredienti la famiglia Contucci ha voluto festeggiare il ritorno alla vita musicale di un “fortepiano”, antesignano dell’attuale pianoforte, costruito a Vienna da Conrad Graf nel 1826, e da sempre appartenuto alla famiglia.
Lo strumento, uno dei circa 60 superstiti dei 3.000 prodotti da Graf (ma probabilmente il meglio conservato), è stato recentemente sottoposto a un attento restauro in Olanda da Edwin Beunk, massima autorità mondiale del settore. La scommessa era (ed è) ambiziosa e stimolante: consentire al pubblico del XXI secolo di ascoltare il repertorio del primo Ottocento con lo stesso “suono” conosciuto dagli autori che lo hanno concepito, che nel tempo si è inevitabilmente modificato con l’uso di strumenti via via sempre più moderni. Nel loro rinascimentale palazzo, progettato da Antonio da Sangallo il Vecchio, i Contucci hanno organizzato due eccezionali pomeriggi di musica e arte svoltisi nel Salone delle Feste affrescato da Andrea Pozzo nel 1702, culminanti entrambi in un concerto dello statunitense Malcolm Bilson, considerato il più grande esecutore su pianoforti d’epoca. I concerti sono stati preceduti dalla spiegazione dello storico dell’arte Alessandro Angelini sugli affreschi del Pozzo e dalla guida sapiente di Alamanno Contucci nella visita alle monumentali Cantine del palazzo, e seguiti da un buffet a base di prelibatezze toscane, arricchite naturalmente dall’ottimo Vino Nobile prodotto dall’Azienda Contucci.


Le straordinarie qualità del fortepiano Graf, l’appassionata musicalità di Bilson e il suggestivo contesto in cui i concerti si sono svolti (che ha fatto incontrare passato e presente, arte e artigianato, cultura musicale, pittorica e architettonica e tutto questo con la cultura del vino, che i Contucci producono a Montepulciano da tempo immemorabile) sono stati gli ingredienti di un successo assolutamente straordinario. “Ho provato un’emozione fortissima” - ha dichiarato l’Assessore Provinciale alla Cultura Silvana Biasutti - “aumentata dall’ascolto in un luogo come questo: poi l’ospitalità dei Contucci ha fatto il resto. Mi auguro che l’esempio di questa famiglia possa essere seguito da chi ha strumenti musicali o beni culturali di cui si possa condividere il piacere. Anche perché questa formula ha dimostrato una volta di più che musica e vino si sposano a meraviglia. Il vantaggio dei nostri prodotti sta proprio nel legame con l’ambiente dal quale provengono e del quale esprimono tutta la vivacità e la ricchezza”. L’Assessore è rimasta estasiata in particolare da un’emozionante esecuzione del Notturno op. 27 n. 2 di Chopin e si è entusiasmata per l’esibizione di Eleonora Contucci, affermata soprano protagonista al fianco di Bilson del secondo concerto ed esponente di una famiglia che ha messo in mostra la rara capacità di miscelare in dosi equilibrate amore per l’arte e la cultura, orgoglio della propria essenza e autentico mecenatismo. Il mondo della musica ha risposto con entusiasmo alla proposta e i migliori fortepianisti d’Italia e numerosi addetti ai lavori si sono riversati a Montepulciano per ascoltare dal vivo lo strumento. Ma la nuova vita del Graf-Contucci non finisce qui, anzi. Già nella settimana tra i due concerti, Palazzo Contucci ha ospitato una master – class in cui Bilson ha avuto 10 allievi provenienti da tutto il mondo. Si profilano poi nuove iniziative che avranno come fulcro il fortepiano e la sua eccezionale sonorità e come motore la passione della famiglia Contucci.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523