Scuola sul Lago

Gisella Sassoli uno degli operatori dell’Oasi del Lago di Montepulciano, fa un bilancio delle attività di educazione ambientale, svolte negli ultimi mesi.

Considerato il fatto che le cifre sono importanti, va detto che circa 700 bambini e
ragazzi, da marzo a maggio sono venuti nelle strutture dell’Oasi, hanno percorso i
camminamenti, imparato a riconoscere gli animali, ossia hanno praticato il bird-watching
(osservazione degli uccelli in natura). Molti di loro hanno avuto la possibilità di
vedere anche il Lago di Montepulciano, perché vi sono stati accompagnati in barchino
dalle nostre guide naturalistiche, che hanno provveduto naturalmente a fornire notizie
sulla geografia nonché geologia dell’area. Gli argomenti trattati spaziano tra diverse
discipline biologiche; naturalmente si tiene conto dell’età degli alunni, del fatto che
abbiano già lavorato in classe su diversi argomenti o meno, dall’interesse suscitato
dalla visita stessa. Anche la proiezione di diapositive può servire ad introdurre
argomenti quali la biodiversità, ad esempio, che è in grado di rispondere, a volte, ai
tanti perché e alle tante domande che i bambini sono soliti porsi. Se poi la visita si
ripete nelle diverse stagioni, c’è anche il tempo necessario per la raccolta di campioni
e la loro osservazione più particolareggiata attraverso l’uso di lenti di ingrandimento e
del microscopio. Fra le classi che hanno partecipato quest’anno alla nostra proposta ci
sono state le classi terze della scuola elementare di Montepulciano centro, la classe
terza del Liceo Scientifico di Montepulciano, la scuola media di Torrita di Siena con la
classe 3 D e poi Chiusi con la Il elementare e scuola media; gli altri alunni provenivano
da scuole della provincia di Arezzo e scuole Umbre. Ci sono stati degli alunni, poi, che
sono tornati all’Oasi insieme alle loro famiglie e questo sta a dimostrare l’interesse
che suscita l’ambiente del lago nei ragazzi, che desiderano condividere tale esperienza
anche con i loro genitori va menzionato inoltre che anche le Università di Siena e
Perugia vengono regolarmente a visitare il lago di Montepulciano e le strutture dell’Oasi
stessa, per dei sopralluoghi, dei campionamenti. Alcuni studenti poi scelgono tale
ambiente per le loro tesi di laurea, a volte può succedere che durante tali sopralluoghi
vengano identificate anche delle specie di flora e fauna che non si sapeva si trovassero
nell’area e questo è il caso di una pianta piuttosto rara rilevata di recente, dal nome
di Sagittaria Sagittifolia. Attualmente stiamo lavorando per preparare dei programmi di
educazione ambientale per il prossimo anno scolastico, reperendo materiali e spunti da
altri Centri e documentandoci su esperienze di didattica naturalistica in Italia e
all’estero e confidiamo che a settembre, anche gli allestimenti del Centro visite siano
terminati.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523