A Montepulciano il Nobile incontra sigari toscani e

Domenica 18 giugno una singolare iniziativa che abbina gusti diversi. Dopo il Vin santo DOC, anche il Rosso DOCG tra i preferiti dai fumatori

Un triangolo molto originale e stimolante che ad un vertice ha il “maledetto” (ovvero il sigaro toscano), ad un altro il “divino” (il sommo poeta Dante Alighieri) e sul terzo il Vino Nobile di Montepulciano.
La composizione geometrica è molto meno ardita di quanto si pensi perché i cultori del fumo del sigaro, riuniti nel Club Maledetto Toscano, sono grandi estimatori sia della letteratura italiana più classica sia del Rosso DOCG di Montepulciano, verso il quale nutrono una stima davvero particolare.
Così domenica 18 giugno, ovviamente a Montepulciano, il triangolo sarà perfetto per l’evento “Il maledetto incontra il divino”: alle 13.00 i partecipanti si ritroveranno al Ristorante Le Logge del Vignola dove i partecipanti potranno gustare un raffinato pranzo con portate che citeranno sia il Nobile sia, addirittura, il tabacco Kentucky, la varietà coltivata in Val di Chiana fin dai primi del ‘900 ed ingrediente fondamentale del sigaro, che, in cucina, è utilizzato anche come aroma per una crema dolce.
Grazie alla collaborazione tra il Club Maledetto Toscano e la Condotta Slow Food Chiusi – Montepulciano tutte le portate saranno abbinate ai vini di Montepulciano selezionati dal Consorzio e messi a disposizione dalle aziende associate.
La comitiva si sposterà poi di pochi passi e, sotto le Logge del Vignola, alle 16.00, avrà inizio la lettura del XV canto del Paradiso di Dante, curata dal prof. Antonio Tannini e dal dott. Robert Patrizio.
E in questa circostanza il Nobile (ed il Vin Santo DOC) giocheranno un ruolo da protagonisti visto che, come spiega Roberto Fanticelli, Presidente del Club, “il Vino Nobile di Montepulciano rappresenta forse il miglior abbinamento al fumo del sigaro toscano. I tannini di questo vino puliscono infatti la bocca e la predispongono nel modo migliore ad assaporare il gusto del sigaro. A sua volta l’aroma sprigionato dal tabacco non influisce sul sapore del vino”.
Il Club Maledetto Toscano vanta la primogenitura dell’abbinamento tra il sigaro nazionale ed il Vin Santo DOC di Montepulciano “che rappresenta il suo must come un rhum o un calvados lo sono per sigari di altre nazionalità” prosegue Fanticelli. “Dopo aver dimostrato l’assoluta validità di questo abbinamento siamo passati a studiare quella con i vini rossi ed è emerso nettamente trionfatore il Nobile”.
Dopo la lettura del canto dantesco, i due relatori passerano al commento creando il clima adatto per la meditazione: “Non parliamo di degustazione ma di consumo in meditazione – dice Fanticelli – perché l’obiettivo è quello di esaltare reciprocamente i gusti. D’altra parte il momento del sigaro toscano non è al culmine del piacere ma al termine, proprio per poterne assaporare con la dovuta attenzione tutte le qualità”.

“Abbiamo aderito con molto piacere ed interesse alla proposta del Club Maledetto Toscano – afferma Alberto Baraldi, fiduciario di zona di Slow Food – perché questa iniziativa rientra in un ambito più ampio di idee e proposte tendenti a caratterizzare e ad innalzare il livello dell’offerta eno-gastronomica locale. In questo campo il Consorzio del Vino Nobile, con il quale lavoriamo in grande sintonia, ha ottenuto eccellenti risultati in pochi anni riuscendo a far sentire produttori ed operatori protagonisti attivi e contribuendo a creare la mentalità giusta sul piano della qualità”.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523