Sabato 9 settembre si chiude la rassegna di appuntamenti promosso dal Consorzio del Vino Nobile e dedicati al Rosso Doc, cavallo di battaglia della produzione poliziana

Si chiude sabato sera la serie di appuntamenti “Rosso di Sera”, la serie di incontri giunta quest’anno alla sua seconda edizione e promossa dal Consorzio del Vino Nobile di Montepulciano per far conoscere più da vicino la realtà dell’altro importante vino del territorio.

A partire dalle ore 20,00, nella bellissima cornice poliziana di Piazza Grande, i produttori di Montepulciano incontreranno infatti tutti gli appassionati di vino, i turisti e chi attratto da questo grande vino di Montepulciano vorrà conoscerne meglio le caratteristiche parlando direttamente con il produttore.
Musica a fare da sfondo all’iniziativa, con il contributo dell’Istituto di Musica di Montepulciano, per creare un connubio perfetto tra sapori, quelli dei prodotti tipici che accompagneranno il vino, e sentori, quelli del Rosso Doc di Montepulciano.

L’iniziativa ha visto precedentemente due incontri (uno a fine luglio e uno ad agosto) in cui il successo di presenze e di attenzione al prodotto ha dimostrato ancora una volta quanto sia importante la conoscenza del prodotto per renderne più consapevole la degustazione apprezzandone le qualità. «Ancora una volta – afferma il presidente del Consorzio, Massimo Romeo – l’impegno del Consorzio in questa direzione è stato premiato da una ottima risposta da parte del consumatore, segno evidente che cresce l’attenzione per questo prodotto di Montepulciano, il Rosso Doc, che è un vino dalle qualità diverse dal Nobile, ma che può offrire delle sensazioni lo stesso importanti».

Il Rosso di Montepulciano è stato definito il “beniamino dei consumatori” e a Montepulciano negli ultimi anni ha proseguito la grande ascesa nelle vendite facendo registrare nel 2005 un +17,06%. «Un successo aspettato –  prosegue Massimo Romeo – se si considera che il Rosso va a inserirsi in una fetta di mercato dove ancora non si trovano molti vini che a un prezzo sicuramente concorrenziale riescano a dare anche sensazioni di ottima qualità». Il Rosso di Montepulciano fa riferimento a un disciplinare del 1988.

La zona di produzione è la stessa del Nobile, identiche anche le uve utilizzate: Prugnolo Gentile (per un minimo del 70%) possono inoltre concorrere il Canaiolo Nero fino ad un massimo del 20% e i vitigni raccomandati e/o autorizzati per la provincia di Siena. Le sue caratteristiche sono la freschezza di un vino giovane abbinata all’eleganza del Prugnolo Gentile, elementi questi che ne fanno un vino che con un ottimo rapporto qualità/prezzo può accompagnare i piatti del territorio.

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523