Un distretto industriale che risparmi energia e rispetti l

E’ l’obiettivo del Progetto REDIMI che sarà presentato giovedì 9 novembre a Montepulciano

Realizzare unarea destinata alle attivit produttive che raccolga le imprese sparse sul territorio e che riduca al minimo limpatto sullambiente mettendo a disposizione le tecnologie pi utili per questo fine. E questo, in estrema sintesi, lobiettivo del progetto RE.DI.MI., acronimo che sta per REte per la modellazione di un DIstretto MIsto.

Il progetto, di cui capofila il Comune di Montepulciano, sar presentato oggi (gioved 9 novembre) dalle ore 15.30 nella Saletta Convegni del Palazzo del Capitano. E prevista la partecipazione del Sindaco Massimo Della Giovampaola, di progettisti, studiosi e ricercatori, di esponenti del gruppo di partner del Comune (prima tra tutti la Regione Toscana) e, infine, di Ambrogio Brenna, Assessore regionale alle Attivit Produttive.

Come accennato lobiettivo del progetto molto ambizioso ed altrettanto innovativo e punta a soddisfare unesigenza molto sentita laddove la tutela dellambiente considerata una priorit assoluta.
La prima caratteristica del distretto industriale di cui si ipotizza la nascita sta proprio nellaggettivo misto: in Toscana i nuclei produttivi tradizionali riuniscono attivit identiche o molto simili, modello che ha il vantaggio di semplificare la gestione di un comparto ma che non applicabile in aree prive di un forte settore trainante.
Il modello di distretto misto riunisce imprese di diversa natura che condividano lobiettivo di ridurre la pressione del sistema sullambiente; questo risultato sarebbe raggiungibile utilizzando tecnologie che rappresenterebbero anche la base per un rilancio in termini di competitivit sul mercato.
Lattenzione si concentrata essenzialmente sullutilizzo ideale dellenergia e delle risorse per cui si prevede la creazione di una rete idrica che consenta di ottimizzazione luso dellacqua; la realizzazione di impianti di co generazione per la produzione di energia elettrica e termica sul posto e la realizzazione di una centrale a biomasse (alimentata anche dalla potatura periodica dei vigneti) abbinata allimpiego di altre fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica. Anche per il ciclo dei rifiuti sarebbe adottato un sistema particolare.

Dunque una zona artigiana ed industriale che, a fronte delle sue produzioni, peserebbe in misura ridotta sui consumi energetici, utilizzando fonti rinnovabili e risparmiando al massimo in termini di costo per lambiente.

Partner del progetto, finanziato con i fondi della Regione Toscana, Docup 2006, nellambito della Ricerca ed Innovazione Tecnologica, sono la Provincia di Siena, la Comunit Montana del Cetona, CNA Toscana, Arezzo e Siena, API Toscana Siena, Associazione Industriali di Siena, lIstituto Fisica Applicata Nello Carrara (CNR-IFAC) ed il Dipartimento di Chimica dell Universit di Firenze e le aziende Etruria Innovazione, Editrice Le Balze, PEGAM, Montepulciano Country Resort, Vecchia Cantina di Montepulciano, CRIArt, CITES ed Elettrovaldichiana2.

PROGETTO RE.DI.MI.
Montepulciano, Piazza Grande
Palazzo del Capitano, Sala convegni (secondo piano)


Gioved 9 novembre 2006 ore 15:30
 
15:30 Registrazione
Saluto Apertura dei lavori
Massimo Della Giovampaola, Sindaco di Montepulciano
Roberto Monnanni (Chairman), Gruppo ECO.TE.
Il distretto misto: logica, strategie e sviluppo progettuale.


16:00 Raccolta e modellizzazione dei dati; la realt territoriale
Fabio Poggi, Gruppo ECO.TE.

16:20 Impatti ed equilibri ecosistemici: materia ed energia.
Francesco Faltoni, Gruppo ECO.TE.

16,40 Sicurezza e qualit della vita: la salute delle popolazioni.
Controlli analitici non invasivi e a risposta diretta.
Stefano Pelli, IFAC - CNR - Firenze
Marco Mascini, Graziana Bagni, DPT Chimica, Universit di Firenze

17:00 Coffee Break

17,20 Il modello Roberto Vezzosi, Urbanista

17,50 Le Imprese Tommaso Ausilio, CNA Toscana

18,10 Le possibili politiche locali di supporto Massimo Della Giovampaola Sindaco del Comune di Montepulciano


18,30 Levoluzione del sistema di indirizzo e di supporto nel percorso Innovazione-Trasferimento Tecnologico (ICT & Security; VI/VO). Simone Sorbi; Dirigente Area R&I Regione Toscana

18,50 Innovazione tecnologica e governance del territorio. Ambrogio Brenna, Assessore Regione Toscana

Montepulciano.com il portale informativo sul territorio di Montepulciano (Siena Toscana)
Contattaci | Cookie Policy | Termini d'uso | Regole della community | Mappa del sito

© Montepulciano.com - P.IVA 01329000523